Dal desiderio all’amore

L’AMORE abita nella testa, si sa da tempo. Il cuore lo abbiamo già scartato. La domanda è dove si trova precisamente, quali aree coinvolge. E soprattutto se sono le stesse interessate dal desiderio. Una risposta adesso c’è. L’amore e il sesso si sviluppano in due zone differenti del cervello, ma estremamente vicine. Così, come fosse una droga, il sentimento crea dipendenza. Non ci sono più dubbi: lo possiamo vedere per la prima volta sulla mappa cerebrale dell’amore 1, realizzata da un team internazionale di studiosi.

Jim Pfaus, psicologo canadese della Concordia University, e i suoi colleghi statunitensi e svizzeri hanno analizzato i dati di 20 diversi studi sul tema. Esaminando l’attività cerebrale di persone alle quali venivano mostrati video erotici o fotografie di partner, l’èquipe è stata in grado di localizzare le zone collegate all’amore e al desiderio. “I due stimoli – racconta Pfaus – attivano aree specifiche del cervello. Ma correlate l’una all’altra”.

Lo striato – una parte sottocorticale del telencefalo vicina all’insula – è il testimone del processo che trasforma il desiderio in amore, ma gli stimoli vengono registrati in due diverse zone. Il desiderio sessuale attiva la stessa area del “piacere” che viene stimolata dal cibo o dallo stesso sesso. L’amore invece colpisce nella zona del “condizionamento”, dove acquistano valore quelle cose o persone associati alla ricompensa o al piacere. “Il desiderio sessuale – continua Pfaus – si pone un obiettivo concreto, mentre l’amore è qualcosa di molto più astratto e complesso, indipendente dalla presenza fisica della persona amata”.

L’amore, agendo sulla stessa area che crea la dipendenza, ha quindi lo stesso effetto di una sostanza stupefacente. “L’amore è, di fatto, una dipendenza che nasce dal desiderio sessuale ricompensato”, chiarisce Pfaus. Questo significa che pur di avere amore si è disposti a tradire il proprio partner? No, rassicura lo studio: il sentimento innesca percorsi cerebrali che portano alla monogamia e al legame di coppia, inibendo alcune aree del cervello solitamente attivate dal desiderio sessuale.



Nessun commento ↓

Attualmente non ci sono commenti, puoi inserirlo compilando il form sottostante..

Lascia un commento

Codice di sicurezza: